Monday, October 22, 2012

Niente esperienza, niente lavoro! Niente lavoro, niente esperienza!

Il termine "circolo vizioso" descrive perfettamente la situazione nella quale si trovano molti giovani (aspiranti) traduttori all'inizio della propria carriera. Dopo la laurea mi sono chiesta molte volte: Come faccio a fare esperienza se nessuno è disposto a darmi fiducia? Come posso dimostrare le mie capacità in un settore che si rivolge soltanto a professionisti esperti?

L'ingresso nel mondo del lavoro può essere molto scoraggiante e demotivante quando i propri sogni e progetti per il futuro vengono distrutti da un'agenzia che preclude la collaborazione a chi non ha 20 anni di esperienza nel settore! Per questo desidero condividere con voi la mia esperienza e i miei suggerimenti.

Per cominciare, un buon punto d'inizio è il volontariato. Numerose organizzazioni non governative e associazioni di beneficenza nel mondo si appoggiano alla generosità di traduttori che danno il proprio contributo "donando parole tradotte". L'esempio più significativo è sicuramente quello di Traduttori senza frontiere che riceve in media 2 milioni di parole tradotte ogni anno, grazie all'impegno di molti colleghi nel mondo. Per quanto mi riguarda, da anni presto i miei servizi linguistici (traduzioni e interpretazioni) a una piccola ONLUS della mia città d'origine.

In secondo luogo, sia agenzie di traduzione che enti statali e dell'Unione europea offrono tirocini di traduzione, remunerati e non, che costituiscono un'opportunità in più di approfondire le proprie conoscenze del settore ed essere esposti a realtà multiculturali. Il tirocinio di traduzione del Parlamento europeo al quale ho partecipato mi ha fornito conoscenze preziosissime e ha dato una svolta alla mia carriera.

Un'altra possibilità è quella di essere affiancato a un collega più esperto che funga da mentore e risponda ai quesiti e alle perplessità che possono sorgere quando si ha poca familiarità con il settore. So che quest'ultimo punto potrebbe sembrare poco fattibile al lettore italiano, dato che gli esperti e i professionisti italiani cercano di tenere per sé tutta la conoscenza per paura, per orgoglio o per un senso di superiorità. Io ho deciso di andare contro corrente e dare una mano, tramite questo blog, a chiunque ne avesse bisogno. Grazie alla disponibilità, alla cortesia e alle perle di saggezza esposte nei blog di alcuni traduttori esperti (ad es., Corinne McKay e Riccardo Schiaffino) sono riuscita a diventare traduttrice a tempo pieno e non c'è alcun motivo per cui non dovrei condividere quello che ho appreso.

Vi siete anche voi imbattuti nello stesso problema? Siete riusciti a raggiungere l'esperienza minima necessaria per contattare nuovi clienti? Quali altri suggerimenti ritenete che siano importanti al riguardo?

7 comments:

  1. il dilemma eterno! Ma grazie per tutti i consigli :-) personalmente sperimento sia volontariato che il mio mentore :P sei tuuuuu!! ahah love u sista

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti manca il tirocinio! Vai a fare domanda!

      Delete
  2. Parole sante Silvia!
    Anche se non ho più 20 anni da un pezzo (e nemmeno trenta, a dirla tutta) ho fatto una scelta controcorrente: all'inizio di quest'anno ho lasciato il lavoro dipendente, ho sostenuto i due esami che mi mancavano e, finalmente, mi sono laureata in lingue. Nel frattempo ho fatto anche un corso di perfezionamento in terminologia e traduzione, ed ora eccomi qui, a fare i conti con il mio sogno di diventare traduttrice. Lo so, devo avere pazienza, ma è frustrante. Passo le mie giornate a cercare contatti lavorativi, e sto iniziando con le traduzioni volontarie, ma non saprei a chi rivolgermi, per trovare un mentore. Però verrò qui più spesso!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Daniela,
      Non mollare! Se hai la possibilità ti consiglio di seguire il corso online di Corinne McKay (http://translatewrite.com/?page_id=30). Io l'ho fatto a maggio e ho imparato tantissimo, su come gestire la mia attività e come trovare clienti. E poi ho trovato molto utili anche le risorse elencate nella pagina Letture consigliate. Vedrai che se tieni duro all'inizio, non te ne pentirai :)

      Delete
  3. Grazie Silvia, seguirò i tuoi consigli e... stringo i denti!

    ReplyDelete
  4. Traduttori senza frontiere:
    If you are a professional translator with a minimum of 4 years of professional translation experience or 2 years of professional translation experience and a university degree in translation or related subject and wish to volunteer for Translators without Borders, please complete this form. <<< Anche quando si vorrebbe fare del lavoro gratis, si è selezionati... grazie per il blog comunque!

    ReplyDelete
    Replies
    1. In alcuni settori, data la delicatezza dei testi, la selezione è necessaria anche per le traduzioni gratuite. Ecco altre possibilità che non richiedono esperienza:
      http://it.globalvoicesonline.org/modulo-per-collaborare/
      http://www.mondo-services.com/index.php?id=587&L=13
      http://cineuropa.org/ab.aspx?t=aboutpartecipate&lang=it&treeID=1282

      Delete